Belize-divingBelize vanta la più grande barriera corallina dell’Emisfero Boreale. Oltre il 90% del territorio è ricoperto da foreste incontaminate e non mancano interessanti siti Maya immersi in scenari suggestivi. L’operatore Vuela propone un tour di 14 giorni/12 notti tra cayos nel Mar dei Caraibi, fondali e pareti sottomarine multicolori lungo la seconda barriera corallina del mondo, siti archeologici, parchi naturali e fiumi. Il tour inizia a Placencia, penisola all’estremità meridionale del Paese. A Silk Caye, nei pressi della Barriera Corallina, ci si immerge tra squali balena, tartarughe e mante, mentre a Pompion Caye si scende lungo un a parete ricca di granchi, aragoste e tartarughe. Il giorno dopo è la volta del grande blu di South Water Caye e Grand Channel tra una miriade di pesci tropicali, squali nutrici e tartarughe, ma anche spugne, coralli, gamberi, pesci angelo e pappagallo. Segue lo splendore di Glovers Reef, Patrimonio dell’Unesco, a un’ora e mezza di barca da Placencia e tra le più belle immersioni dei Caraibi Occidentali. Si passa poi all’acqua dolce del Monkey River: fiume che scorre nella fluorescente foresta del Belize, ricco di mangrovie e pesci, ma anche di iguane, coccodrilli e uccelli e habitat naturale della scimmia urlatrice.
Il viaggio prosegue al Blue Hole National Park, dove vivono molte specie di animali tra cui il giaguaro, l’ocelotto, felino selvatico, 200 varietà di volatili e dove si trova il famoso Inland Blue Hole: una piscina naturale di acqua dolce che cela numerose grotte sommerse. Dalla natura si passa all’archeologia con la visita del sito Maya di Xunantunich e, successivamente, a Caracol, che significa “chiocciola”, così battezzato dagli archeologi, che lo scoprirono nel 1937, per via delle numerose chiocciole che vi trovarono. Era una delle città Maya più estese con migliaia di strutture tra le quali domina, con i suoi 42 m di altezza, Caana, il palazzo del cielo. Il giorno dopo si esplorano le grotte di Actun Tunichil Muknal, un sistema sotterraneo che si estende per 5 chilometri lungo un fiume sotterraneo dove tra stalattiti e stalagmiti sono stati scoperti numerosi oggetti cerimoniali.
Durante il tour si può anche sperimentare il canopy, che grazie a imbracatura e fune consente di “sorvolare” alberi, valli e fiumi da una parte all’altra della foresta; e provare il cave tubing, che utilizzando un salvagente e un casco con torcia incorporata permette di navigare lungo fiumi sotterranei. Dopo aver visitato il Belize Zoo e Centro di Educazione Tropicale, 29 ettari dove vivono in libertà tutte le specie animali del Paese e dove vengono riabilitati gli esemplari malati o feriti, si rientra in Italia.

Please follow and like us:
About Author

Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × 5 =