di Massimo Fedele – Sull’altipiano dello Sciliar-Catinaccio sono moltissimi i rifugi gestiti da animi coraggiosi che sfidano ogni giorno la montagna per lavorare e per portare in alto le provviste da elaborare per gli escursionisti che si avventurano lungo i sentieri dell’Alpe. Il rifugio si trova sul lato sud del Gruppo del Sassolungo, in un ambiente selvaggio e incontaminato e con una veduta panoramica su tutte le Dolomiti di Fassa (Gruppo del Catinaccio, Latemar, Creste dei Monzoni, Massiccio del Sella e una spettacolare veduta del ghiacciaio della Marmolada). E uno dei pochi rifugi non raggiungibile da mezzi con ruote, due volte a stagione un elicottero porta su il grosso delle provviste, ma i “freschi” sono portati a spalla, lungo un impervio sentiero, ogni giorno dai ragazzi che gestiscono il Rifugio. Da Passo Sella, quest’anno raggiungibile solo con apposito bollino di circolazione, è possibile salire a circa 2300m e seguire il sentiero Friedrich August per raggiungere il Rifugio Pertini. La passeggiata non adatta a passeggini e a persone con gravi difficoltà di movimento, presenta alcuni punti critici con terreni scivolosi, fangosi se piove, e passaggi tra rocce. Il sentiero presenta vistosi segni lasciati dai temporali e dal vento.
Dopo circa 50 minuti di cammino si giunge finalmente al Rifugio arroccato su un’altura della roccia e circondato da ciuffi di abete dove è possibile fermarsi. Completamente in stile sudtirolese, il rifugio offre alcuni dei piatti tipici della zona e una vista veramente spettacolare. La cosa che colpisce di più di questo rifugio è la serenità e la gentilezza con cui i ragazzi che gestiscono il rifugio accolgono gli escursionisti. La vista mozzafiato sul ghiacciaio della Marmolada e la Val di Fassa fa il resto. Il rifugio si trova lungo la via per raggiungere il Sassolungo e fa parte dell’alta via del Sassolungo-Sassopiatto, per cui non si è mai soli e spesso si possono incontrare piccoli gruppi di persone che intonano canti alpini.

Please follow and like us:
About Author

Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *