Trenino Verde delle Alpi

Sul Trenino Verde delle Alpi

Da Domodossola a Berna con il Trenino Verde delle Alpi. Attraverso la Val Divedro il treno segue il fiume Diveria, supera il trasporto veicoli di Iselle e percorre i 19,8 chilometri della galleria del Sempione, che dal 1906 collega l’Italia e la Svizzera. Briga è una perla tutta da scoprire, incorniciata dal passo del Sempione a sud, dai ghiacciai di Driest e dell’Aletsch a nord e dall’imponente castello di Stockalper.
Il viaggio a bordo del Trenino Verde delle Alpi prosegue risalendo la valle del Rodano, fiancheggiando soleggiati pendii, e superando un dislivello di 450 metri prima di arrivare a Goppenstein. Per attraversare la galleria in quota del Lötschberg sulla via verso Kandersteg, il treno impiega otto minuti.
Da Kandersteg il percorso conduce a Frutigen in direzione nord, passando per la «rampa nord» di BLS. Questo percorso si è ben guadagnato il suo nome: con una pendenza di oltre il 27‰, la linea attraversa una galleria elicoidale di 1655 metri, tunnel bui e viadotti spettacolari. Poco prima di entrare a Frutigen, il Trenino Verde delle Alpi transita sull’imponente viadotto di Kander, l’opera più fotografata della linea del Lötschberg, per poi sfilare davanti al Tellenburg. Da Frutigen, l’itinerario conduce a Spiez e poi a Thun con una pendenza uniforme del 15‰. Giunti lì, comprenderete perché la cittadina sul lago è chiamata «la porta di accesso all’Oberland Bernese». L’ultimo tratto della linea attraversa la valle dell’Aare e porta a Berna, il cui centro storico è stato dichiarato patrimonio mondiale UNESCO.

Eventi:
7a giornata della raclette vallesana a Leukerbad 25 agosto 2018
Giornate dei treni a vapore a Lenk 1 settembre 2018
Läset-Sunntig di Spiez 9 settembre 2018

Condividi...Email this to someone

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *