Merano

Merano Flower Festival 2019 saluta la primavera

Arriva la primavera e Merano indossa il suo abito più elegante. Non c’è nulla di più suggestivo, infatti, della primavera meranese: gli alberi di mele fioriscono, i sentieri delle rogge invitano a passeggiare tra la natura appena risvegliata, i profumi dei frutteti inebriano l’aria, lo straordinario clima mite regala bellissime giornate di sole da spendere tra escursioni, cultura e relax. Una piacevole camminata lungo il Passirio, un giro in bicicletta, un caffè in uno dei tanti bar en plein air, escursioni, mostre, concerti: la scelta di come passare le giornate a Merano è ampia.
Il sipario sulla primavera meranese si alza il 25 aprile quando la città è un tripudio di colori e profumi e ospita per quattro giorni il Merano Flower Festival, suggestiva vetrina affacciata sul mondo del giardino e delle piante ornamentali giunta alla sue seconda edizione: un viaggio tra fiori rari e speciali sulla passeggiata lungo il fiume, in centro città, a sottolineare la vocazione dei meranesi alla cultura del bello, alla qualità della vita e all’ospitalità. Un’occasione speciale per avvicinarsi ai piaceri del giardinaggio, imparare i segreti delle piante, conoscere i migliori vivaisti, partecipare a laboratori e conferenze e ammirare le bellissime installazioni verdi sparse per la città.
Non solo. Nelle sale del Touriseum di Castel Trauttmansdorff le protagoniste indiscusse dell’anno saranno le piante carnivore, con una mostra, “Piante killer – Le carnivore verdi”, evento di grande richiamo che offre uno spaccato sull’affascinante – e raccapricciante – mondo di queste sofisticate cacciatrici, illustrando le diverse tipologie di trappole e la ricchezza varietale delle più bizzarre artiste della sopravvivenza. Un’occasione per visitare i bellissimi Giardini del castello e ammirare le fioriture multicolori che fanno da tappeto ai 12 ettari di anfiteatro naturale al cospetto delle cime ancora imbiancate che regalano al luogo un suggestivo effetto cartolina.

Massimo Fedele

Condividi...Email this to someone

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *