aereo3(14)

Federconsumatori: Italia accolga indicazioni UE sulle modalità di rimborso dei viaggi

Modificare la normativa in materia di rimborso e voucher in base alle indicazioni dell’UE e seguire la linea già scelta dalla Spagna, rimettendo quindi all’utente la decisione finale sulla modalità di rimborso. Lo chiede Federconsumatori in una nota in cui ricorda che nelle scorse settimane la Commissione UE ha invitato i Governi di vari Stati membri, tra cui l’Italia, a modificare la normativa sulle modalità di rimborso di viaggi e vacanze cancellati a causa dell’emergenza sanitaria ancora in corso. A questa presa di posizione è seguito, nel nostro Paese, ricorda ancora Federconsumatori, un pronunciamento con cui l’Antitrust ha rilevato una incongruenza tra la normativa nazionale e quella comunitaria, segnalando quindi all’esecutivo la necessità di assegnare al consumatore – e non all’operatore, come appunto previsto dalla attuale regolamentazione – la scelta tra voucher e restituzione dell’importo versato.

In Italia ancora tutto tace, nonostante si tratti di una questione rilevante per un numero considerevole di cittadini: come abbiamo già sottolineato più volte e non ci stanchiamo di ribadire, in un contesto come quello attuale lo strumento del voucher presenta evidenti difficoltà di utilizzo. A ciò si aggiunge l’aspetto economico, affatto trascurabile, poiché il rimborso delle somme pagate potrebbe risultare utile ad un elevato numero di utenti.

Secondo Federconsumaroti, la decisione del Governo spagnolo offre l’occasione per sollecitare un intervento analogo da parte del nostro esecutivo, sia sulla base di quanto rilevato dalla Commissione che della segnalazione trasmessa dall’AGCM.

Condividi...Email this to someone

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *