In Svizzera per assaggiare Lo Sbrinz DOP, un saporito formaggio a pasta extra dura con una storia secolare. I più golosi possono partecipare ad un’escursione storica in un tragitto naturale ed emozionante, percorso un tempo da mulattieri, mercanti, pellegrini e contrabbandieri. Per i mulattieri era di vitale importanza trovare le tratte più brevi da una valle alpina all’altra, per effettuare i loro scambi di beni di primo sostentamento. Così nacque l’itinerario dello Sbrinz, il più breve collegamento attraverso le Alpi, che metteva in comunicazione Lucerna e Domodossola. Il formaggio in passato veniva trasportato e commerciato in grandi quantità lungo questa via, che quindi ne prese il nome.
Oggi solo 32 caseifici scelti d’alpeggio e di fondovalle lo producono giornalmente con latte crudo di prima scelta, caglio e sale. Ci vuole tempo, molto tempo, prima di poter consumare il gustoso prodotto della Svizzera interna. La stagionatura dura almeno 18 mesi: quanto più è lunga, tanto più aromatico e fragrante si svilupperà il bouquet.
Lo Sbrinz DOP è l’unico formaggio svizzero che si può gustare in tre modi diversi: a 18 mesi si taglia in sottilissimi tondi. A tocchetti decora, a partire dai 24 mesi, ogni aperitivo o piatto di formaggi. E, per finire, come formaggio da grattugiare dà quel tocco in più a molte pietanze.

About Author

Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *